Capire le basi dell’Ayurveda

Vata, Pitta, Kapha, e la nostra personale, unica costituzione

L’Ayurveda è la scienza olistica della salute che ha avuto origine in India ed è studiata e praticata da migliaia di anni. La parola Ayurveda deriva dalle parole sanscrite “ayur”, che significa vita, e “veda”, che significa studio. Ayurveda significa quindi “lo studio della vita” o “la conoscenza della longevità”. Le persone che praticano le tecniche dell’Ayurveda mirano a raggiungere un equilibrio nella loro costituzione che, secondo l’Ayurveda, è diversa per ogni individuo. Procediamo dunque a imparare come raggiungere questo equilibrio nelle nostre rispettive costituzioni.
Noi seguaci dell’Ayurveda, pensiamo che tutti abbiano la propria costituzione sin dalla nascita e che questa venga poi influenzata da fattori sia interni che esterni come le emozioni e lo stile di vita. Per questa ragione non esiste una dieta o una routine quotidiana che vada bene per tutti. Dobbiamo capire quale, fra tutte, funzioni specificamente per noi per permetterci di raggiungere l’equilibrio nella nostra costituzione unica. Inoltre, nell’Ayurveda crediamo che la costituzione di ognuno consista in importanti elementi chiamati dosha e qui sotto ne listiamo i tre principali.

Vata

Vata è composto da aria e spazio ed è il dosha del movimento. Vata regola le funzioni corporali associate al movimento, incluso: masticare, respirare, pensare, la circolazione sanguigna e gli impulsi nervosi solo per citarne alcuni. Quando il Vata di una persona non è in equilibrio, questa potrà diventare nervosa, ansiosa e propensa alle malattie. Per mantenere equilibrato il nostro dosha Vata, dovremmo cibarci e riposarci a sufficienza e praticare esercizi di consapevolezza e meditazione.

Pitta

Pitta è composto da fuoco e acqua ed è il dosha della trasformazione. Pitta entra in gioco ogniqualvolta il corpo processa qualcosa ed è specificamente responsabile di scomporre gli alimenti per la digestione e il metabolismo. Quando il Pitta di una persona non è in equilibrio, questa potrebbe avere problemi nel controllare la rabbia, nel prendere buone decisioni e con il sistema digestivo e/o metabolico. Per mantenere equilibrato il nostro dosha Pitta, dovremmo seguire una dieta appropriata, evitare pressioni inutili e prendere regolarmente precauzioni per “ventilare” e calmarci.

Kapha

Kapha è composto da terra e acqua ed è il dosha della stabilità. Kapha governa la struttura e la stabilità, formando la sostanza del corpo umano, rappresentando anche la crescita e il mantenimento del corpo. Quando il Kapha di una persona non è in equilibrio, questa potrebbe diventare insicura e ingrassare facilmente. Per mantenere in equilibrio il nostro dosha Kapha dovremmo mangiare cibi leggeri, fare esercizio regolarmente e adottare in generale uno stile di vita sano.
La chiave per il benessere e l’equilibrio Ayurvedico nelle nostre rispettive costituzioni è quella di capire che la salute non è uguale per tutti e di capire anche la nostra natura e situazione uniche. Solo valutando le nostre tendenze e i nostri stati più naturali potremo affrontare i problemi all’origine e raggiungere un equilibrio nella nostra costituzione.

Navigation